Vene varicose, vene varicose

cause e trattamento delle vene varicose

Con le vene varicose, le vene di vari organi (esofago, cordone spermatico - varicocele, retto - emorroidi) possono essere colpite, ma le vene varicose delle gambe sono le più comuni.

Che cos'è?

Vene varicose, o vene varicose (dal lat.varix- nodo, gonfiore) - espansione e allungamento persistente e irreversibile delle vene (vasi che portano il sangue al cuore) degli arti inferiori con assottigliamento della parete venosa e formazione"Nodi" a causa di una grave patologia delle pareti venose, nonché insufficienza delle loro valvole a causa di un difetto genetico.

Sin dai tempi antichi, medici come Ippocrate, Avicenna, Galeno e Paracelso hanno cercato di curare le vene varicose, ma senza successo. Il famoso anatomista e medico italiano Marcello Malpighi, che ha scoperto i meccanismi della circolazione capillare più di 300 anni fa, ha dedicato molti anni allo studio della malattia.

Le vene varicose sono una malattia abbastanza comune. Oggigiorno, una donna su tre e un uomo su dieci soffrono di vene varicose e il più delle volte la malattia inizia all'età lavorativa in 30-40 anni. Più tempo una persona moderna trascorre in posizione seduta al computer o in macchina, maggiore è il rischio di sviluppare vene varicose. Questo problema è molto rilevante in questi giorni.

Perché succede?

Le vene varicose si verificano non solo negli arti inferiori, ci sono anche vene varicose dello stomaco e dell'esofago, vene pelviche, vene testicolari e funicolo spermatico - varicocele. Le vene varicose della piccola pelvi sono una delle cause delle emorroidi e il varicocele minaccia di possibile infertilità e per prevenire ciò è necessario un intervento chirurgico. Tuttavia, le vene varicose più comuni degli arti inferiori.

Le ragioni principali per lo sviluppo delle vene varicose degli arti inferiori sono:

  • ereditarietà - le persone nel cui albero genealogico sono frequenti casi di vene varicose delle gambe sono a rischio;
  • genere: nelle donne la gravidanza provoca vene varicose e assunzione di farmaci ormonali;
  • aumento della pressione venosa (stile di vita sedentario, carichi statici in posizione eretta, obesità).

Queste cause delle vene varicose contribuiscono non solo alle vene varicose, all'aumento della pressione venosa o all'interruzione del normale funzionamento delle valvole venose. La conseguenza della malattia è errata, il sangue patologico scorre nelle vene degli arti inferiori - reflusso (patologico, flusso inverso di sangue venoso dalle vene profonde a quelle superficiali). Inoltre causano l'aggravamento della malattia nel tempo, poiché aumentano molte volte la pressione sul sistema venoso. Pertanto, le caratteristiche dell'emodinamica con le vene varicose sono sia una conseguenza della malattia che della sua causa. Nasce un circolo vizioso.

Il flusso sanguigno corretto si ha quando il sangue scorre nelle vene delle gambe dal basso verso l'alto, cioè contro l'azione della gravità. Ciò si ottiene attraverso diversi meccanismi: la pressione del sangue dalle arterie (il contributo più piccolo), la contrazione dei muscoli delle gambe durante il movimento (questo funge da pompa) e la presenza di valvole nelle vene che impediscono al sangue di rifluire. È l'incapacità di queste valvole di svolgere la loro funzione che causa l'interruzione del flusso sanguigno venoso, che porta a un allungamento eccessivo delle vene. Di conseguenza, il flusso sanguigno diventa caotico, il sangue ristagna nelle vene degli arti inferiori, specialmente in quelle sottocutanee, la pressione al loro interno aumenta così tanto che le pareti del vaso non possono resistere e iniziano ad espandersi e diradarsi.

Le persone che stanno in piedi da molto tempo (medici, venditori, parrucchieri) hanno un rischio molto elevato di sviluppare vene varicose delle gambe.

Nelle donne, le cause delle vene varicose possono essere associate a uno squilibrio ormonale (ad esempio, contraccezione ormonale selezionata in modo errato). Inoltre, le vene varicose della piccola pelvi, così come le vene varicose degli arti inferiori, si sviluppano spesso durante la gravidanza, quando la pressione dell'utero in crescita sulle vene della cavità addominale aumenta gradualmente, il che, a sua volta, rende difficile il flusso di sangue attraverso le vene delle gambe.

Inoltre, un aumento della pressione intra-addominale durante sollevamento di carichi pesanti, tosse, starnuti, costipazione cronica e così via porta anche a un malfunzionamento delle valvole venose.

Infine, le disfunzioni venose sono del tutto naturali per gli anziani.

Cosa succede quando ciò accade?

I primi sintomi delle vene varicose sono il gonfiore delle gambe verso la fine della giornata, una sensazione di pesantezza e pienezza ai polpacci, che compare durante la seduta prolungata o in piedi. Una caratteristica delle vene varicose è la scomparsa o la significativa riduzione di questi sintomi quando si cammina e dopo il riposo notturno.

Successivamente, ci sono forti dolori ai polpacci, una sensazione di calore alle gambe e crampi notturni ai muscoli del polpaccio. Inoltre, sulle gambe compaiono piccole "stelle" vascolari blu-rosse, diventano visibili vene intradermiche blu scuro e, infine, si espandono le vene safene, che assomigliano a grappoli di uva rossa troppo matura.

Se si formano vene varicose, può svilupparsi eczema nelle aree colpite.

Diagnostica

Quindi, se noti i sintomi iniziali delle vene varicose, nel prossimo futuro contatta un flebologo, uno specialista in malattie venose.

Il successo del trattamento delle vene varicose dipende direttamente dalla fase in cui viene iniziato il trattamento. Prima vedrai un flebologo, più facile sarà il trattamento e minore sarà il rischio di complicanze.

Dopo l'esame iniziale, il medico prescriverà l'uno o l'altro tipo di esame strumentale. L'ecografia Doppler è generalmente sufficiente per fare una diagnosi. Tuttavia, in caso di necessità, vengono utilizzati anche metodi radionuclidi e radiopachi: sostanze speciali vengono introdotte nel flusso sanguigno e viene esaminata la loro distribuzione attraverso i vasi.

Trattamento delle vene varicose

Come vengono trattate le vene varicose !? Ci sono tre modi per trattare le vene varicose: eseguendo un'operazione chirurgica sulle vene varicose, usando la scleroterapia o farmaci. Inoltre, nel processo di trattamento delle vene varicose, vengono utilizzati attivamente esercizi di fisioterapia e maglieria medica.

L'essenza della scleroterapia consiste nell'iniettare farmaci speciali nelle vene, facendo aderire le pareti del vaso e chiudendone il lume.

Nel trattamento chirurgico delle vene varicose, le vene colpite vengono semplicemente rimosse. È importante notare che la rimozione delle vene safene non interferisce con il flusso sanguigno ed è sicura per il corpo. Solo il 10 percento del sangue scorre normalmente attraverso le vene superficiali che colpiscono le vene varicose. Il resto del carico viene assorbito dalle vene profonde delle gambe. Pertanto, dopo l'operazione per rimuovere le vene varicose, nella maggior parte dei casi, questi vasi possono facilmente compensare la funzione delle vene superficiali.

Ricorda: le vene varicose possono e devono essere trattate, perché in assenza di trattamento sono irte di spiacevoli complicazioni.